I consigli di PNL del nostro life coach Michele De Santis – risposta

Le tecniche di Pnl possono aiutare un genitore a far mangiare il bambino?

…prosegue da qui

Carissimo!
Per tuo figlio direi che le hai provate tutte (dall’integrazione nel latte, alle vitamine e ricostituenti, dalla ricerca delle intolleranze alla fame). Mi mancano elementi sul contesto familiare (il latte come tu sai ha un significato simbolico) e fa effetto sentire un padre così coinvolto nello svezzamento (di questo parliamo anche se diciamo un pò prolungato). La figura materna è presente al pari tuo?

Comunque, visto che sei un appassionato di PNL ti rispondo tecnicamente.

Il latte, praticamente unica fonte di cibo per tuo figlio, è un’ancora che attiva stati risorsa potenzianti talmente forti e insostituibili che nemmeno 3 giorni di fame possono scalfirlo.

Ergo, se le togli l’ancora senza avergliene installata un’altra, gli crei un danno.

Tuo figlio ha già trovato una strategia relazionale per tenere tutto il tuo focus su di lui: tu sei giustamente preoccupato e non sai più cosa inventarti per nutrirlo e questo ha creato involontariamente attorno a lui una calda coperta di attenzioni.

Sfila la coperta piano piano e avvolgila attorno ad altre attività che non siano il pasto (i giochi sul letto, il bagnetto, un giro al parco o in bicicletta, vedere un cartone insieme).

Applica un controricalco, dai sempre meno importanza al momento del pasto (tanto più insisti peggio è… se fai quello che hai sempre fatto otterrai quello che hai sempre ottenuto!).

Cambia le ancore spaziali e gli inneschi: spostalo di posto al tavolo in modo da resettarlo, cambiagli tovaglietta, piatto, bicchiere, posata e tovagliolo, biberon, ecc…

Cambiagli il focus mentre mangia, distrailo con i cartoni, in modo che possa risultare più facile allungargli un boccone di qualcos’altro che non sia latte.

Stai rilassato e contagialo con il tuo stato positivo e propositivo; se avverte che riesce a farti arrabbiare… vince sempre lui e lo rafforzi nel comportamento/problema.

Usa anche le induzioni nel sonno che trovi nei mie primi articoli e poi se hai la certezza che tuo figlio sta bene, cerca di dare sempre meno energia a questo problema!

Un padre che è passato per la tua stessa strada con i suoi 3 magrissimi figli!!!!

Leggi tutti gli articoli di Michele De Santis cliccando qui: http://www.modenabimbi.it/category/blog/guida-alle-tecniche-di-pnl-da-usare-con-i-bambini/.

Michele De Santis, life coach, Master in Programmazione Neuro Linguistica e in Reiki 

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

12 − 11 =