All’ospedale di Vignola un percorso dedicato ai bambini in attesa d’intervento chirurgico

ospedale-bambini

“Alla scoperta del pianeta sala operatoria” è il progetto per affrontare questo momento: un infermiere accompagna i bimbi in un viaggio immaginario che serve a spiegare cosa accade nei luoghi di cura

A Vignola, in media, sono 120 i bambini operati ogni anno. Per loro, oltre che per i familiari, entrare in ospedale per un intervento chirurgico, è un momento di grande tensione, di emozioni forti. Se per un adulto prevale preoccupazione e ansia, agli occhi di un bambino, la sala operatoria è prima di tutto un mondo sconosciuto difficile da capire, un “universo” che fa paura.

Lo sanno bene medici, infermieri e anestesisti dell’Azienda USL di Modena che, ogni giorno, assistono e accompagnano i piccoli pazienti. Per questo, proprio a Vignola, è nata l’idea di creare un percorso che aiuti i bambini tra 3 e 9 anni a vedere “con occhi diversi” il periodo prima dell’operazione e i luoghi dove avverrà l’intervento. Il progetto “Alla scoperta del pianeta sala operatoria” è promosso dai volontari dell’Associazione ‘Casina dei Bimbi’ Onlus ed hanno inoltre collaborato all’attivazione del progetto la Fondazione di Vignola, l’associazione ‘Un mondo e una famiglia’, le Consorti Rotariane del Rotary Club di Vignola, Castelfranco e Bazzano, di Pagani Automobili e degli ‘Amici dell’Osteria‘.

Il 16 giugno 2016 è stata ufficialmente consegnata agli operatori sanitari la ‘tenda-astronave‘. Per l’occasione erano presenti anche Maria Pia Biondi, direttore del Distretto sanitario di Vignola; Claudia Nasi, presidente dell’associazione ‘Casina dei Bimbi’; Maura Biancani, coordinatrice del blocco operatorio Ospedale di Vignola e Carlo Garoia, presidente del Rotary Club di Vignola, Castelfranco e Bazzano.

Come funziona il percorso? Semplice. In attesa dell’operazione, normalmente il giorno prima del ricovero, due infermieri della sala operatoria e una volontaria della ‘Casina dei Bimbi’ incontrano i piccoli pazienti all’interno di una ‘tenda-astronave’ dove, insieme ai genitori, preparano la ‘partenza’. Lì, con un linguaggio adatto alla loro età, gli adulti aiutano i piccoli a capire cosa è una sala operatoria e cosa avviene al suo interno, anche grazie all’uso di manichini e pupazzi. Il giorno dell’intervento, pupazzi e volontari accompagnano il bambino fino alla soglia della sala operatoria dove, grazie alla potenza straordinaria della fantasia, prende corpo il ‘viaggio’ verso questo “pianeta” sconosciuto.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × quattro =