Frenulo della lingua corto, cosa fare? Ne parliamo con la logopedista

frenulo

 

 

 

 

 

Frenulo corto come intervenire?

Salve dottoressa, mio figlio ha un mese e mezzo.

La pediatra dice che il frenulo della lingua è corto, ragione per cui quando si attacca al seno succhia bene per 5 minuti e dopo cambia il modo di suzione e inizia a piangere, stringe la mandibola e mi schiaccia i capezzoli.

Visto che non aumenta di peso devo dare l’aggiunta. Ci tengo tanto ad allattare al seno.

Vorrei sapere se esistono esercizi volti ad elasticizzare il frenulo? Inoltre vorrei sapere se questo tipo di frenulo può dare problemi più avanti?

In attesa di una risposta, La ringrazio.

Risponde la dottoressa Roio…

Buongiorno, quando il frenulo linguale del neonato è così corto da impedire l’allattamento naturale, normalmente si esegue una frenulotomia in sede ospedaliera.

La frenulotomia è un piccolo intervento chirurgico dove il frenulo linguale viene tagliato per permettere maggiore libertà di movimento alla lingua.

Infatti la lingua deve essere nella condizione di compiere tutti i movimenti necessari all’interno della bocca per la nutrizione e l’articolazione.

In caso contrario, vi potranno essere delle difficoltà nel movimento di suzione (il bambino fatica ad attaccarsi al seno oppure si stanca troppo presto) e nello sviluppo linguistico della lallazione (fase che precede la comunicazione verbale intenzionale).

Esistono alcuni esercizi specifici di logopedia per l’allungamento del frenulo linguale: purtroppo, nel caso del neonato, il bambino è ancora troppo piccolo per eseguirli in maniera attiva.

Il mio consiglio è quello di informarsi dalla sua pediatra per un’eventuale frenulotomia; solo successivamente a questo intervento è consigliabile muovere in maniera passiva la lingua del neonato in diverse posizioni per evitare una recidiva del problema (in alcuni casi la cicatrice rischia di ‘ancorare’ nuovamente la lingua al pavimento orale).

Se con la crescita il bambino presenterà ancora un frenulo corto sarà poi possibile elasticizzarlo con delle vere e proprie sedute di logopedia, facendo muovere la lingua in modo attivo attraverso gli esercizi specifici per evitare l’instaurarsi di difficoltà di deglutizione e difetti di pronuncia.

 

foto-roio_med-2

Dott.ssa Maria Giovanna Roio Logopedista

Cell: 340 9974500

Web: www.logopediamo.it


Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × due =