La domenica non si va a scuola: Pinocchio

Quando:
6 Gennaio 2019@16:30–17:30
2019-01-06T16:30:00+01:00
2019-01-06T17:30:00+01:00
Dove:
Teatro Storchi di Modena
Largo G. Garibaldi
15, 41124 Modena MO
Italia
Costo:
Prezzi Adulto €8 Bambino fino a 12 anni €5 Sconto di €1 per i possessori di CartaInsieme Conad
Contatto:
Emilia Romagna Teatro Fondazione
La domenica non si va a scuola: Pinocchio @ Teatro Storchi di Modena | Modena | Emilia-Romagna | Italia

Ritorna l’ormai consolidato appuntamento con La domenica non si va scuola, la rassegna dedicata alle famiglie e ai bambini promossa da Emilia Romagna Teatro Fondazione in collaborazione con Conad. I quattro appuntamenti che si snoderanno al Teatro Storchi fino al 3 febbraio 2019 costituiscono un’importante occasione di crescita e condivisione per le famiglie, dando voce a un teatro capace di emozionare allo stesso tempo grandi e piccini.

Pinocchio

Teatro d’attore
Dai 4 anni

Chi di noi non conosce la storia di Pinocchio? Il burattino ribelle, simpatico, impertinente e ingenuo che vuole fuggire dalla condizione di diversità, per diventare una persona vera.
Lo spettacolo accompagna il pubblico tra gli innumerevoli episodi del romanzo di Collodi, affiancando a quelli più noti che tutti si aspettano di vedere altri meno noti, in cui il nostro protagonista si troverà a vivere un mondo che per lui è tutto da scoprire e da interpretare. Un’allegoria della società moderna, dove emerge il contrasto tra razionalità e istinto, fame e benessere, generosità e ricerca del profitto personale. Ma anche la complessità del mondo infantile, così come quella di un mondo adulto che non sempre ascolta e guarda davvero all’essenza delle cose. Pinocchio non è solo una storia per bambini, perché Pinocchio è ognuno di noi.
Uno spettacolo dinamico e divertente in cui gli attori fanno rivivere la storia del burattino più famoso al mondo, attraverso una “scatola magica” da cui fuoriescono, in continua trasformazione, personaggi, oggetti, stoffe colorate e musiche.

Vedi il programma completo della rassegna QUI

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here