Gite con i bambini in provincia di Modena: il castello di Guiglia

castello-di-guiglia

Gite con i bambini in provincia di Modena: il castello di Guiglia

L’antico Castello di Guiglia, di origine trecentesca, fu distrutto da un violento incendio nel 1361, ricostruito in circa quarant’anni, e completato verso la fine del XIV secolo.

Danneggiato dal terremoto del 1571, fu successivamente oggetto di saccheggi fino a quando, nel 1630, il Marchese Francesco Montecuccoli iniziò lavori di radicale trasformazione dell’antica rocca in sontuosa residenza nobiliare della sua famiglia.

guiglia-torre-castelloIn tale occasione fu rimosso il ponte levatoio e chiusa la vecchia porta a oriente, furono ampliati gli appartamenti e creato un nuovo e prestigioso accesso al castello, quello che vediamo oggi.

Di fronte all’originario ingresso vi è la Torre del Pubblico.  Risalente presumibilmente all’anno 1535, ha pianta quadrata, portale in cotto a strombo ed è sormontata dalla cella campanaria seicentesca.

All’interno delle mura esisteva un tempo anche un convento di Carmelitani, con l’annessa chiesa. Alla fine dell’ 800 il castello fu messo all’asta perché gli eredi dei Montecuccoli non pagavano le tasse; in seguito fu trasformato in albergo e infine dopo travagliate vicende è divenuto di proprietà del Comune di Guiglia.

Negli ultimi tre week-end del mese di maggio il castello ospita la Sagra del Borlengo un cibo tradizionale della zona.

Visite al castello di Guiglia con i bambini

Il castello è aperto fino da fine aprile a fine settembre al sabato (alternati) dalle 15 alle 18; la domenica e i festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’ingresso è gratuito.

Come arrivare al castello di Guiglia

Guiglia, attrazioni turistiche per i bambini

Tutti gli anni nei mesi estivi il comune di Guiglia organizza una rassegna di eventi serali per i bambini denominata “Il martedì dei bimbi” dove i più piccoli sono i protagonisti assoluti e i grandi possono per una sera provare l’emozione di ritornare fanciulli.

 

 

 

 

 

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here